A-june-sarà Rialzo dei Tssi?

Spot EurUsd: 1.1210

Scala temporale Giornaliera: Supporti (1.1150, 1.1000, 1.0823) Resistenze (1.1445, 1,1536, 1.1711)

Strategia: Short EurUsd

Stop: 1.1350

Take profit: 1.1000

E la Fed Spariglia le Carte

Ci ha pensato la Fed a sparigliare le carte con la pubblicazione di verbali del FOMC ben più aggressivi di quello che il mercato si attendeva. Immediata la reazione nel mondo valutario dove si dava per certo un rinvio del rialzo dei tassi nella parte finale del 2016. Dalle minute invece è emerso che la maggioranza degli esponenti Fed ritiene opportuno considerare già a giugno una manovra sui tassi; questo se venisse giustificato da dati di occupazione ed inflazione che confermano il trend in corso di miglioramento ormai in essere da mesi. Al momento il mercato sconta meno del 50% di probabilità di rialzo dei tassi entro settembre e quindi è chiaro che se questo evento dovesse avvenire a giugno la forza del Dollaro dovrebbe ancora esplicare tutti i suoi effetti con un probabile interessamento della parte bassa dei supporti di un trading range che ormai comincia ad avere una certa anzianità. Attenzione perciò ai dati macro che usciranno da qui al 15 giugno, con numeri positivi che dovrebbero rafforzare il Dollaro visto l’alzarsi delle probabilità di rialzo a giugno. Dall’altra parte la BCE ha pubblicato anch’essa i verbali dell’ultimo meeting dal quale emerge la volontà di Francoforte di attendere un po’ per misurare gli effetti delle nuove manovre introdotte a marzo. Un wait and see corroborato dal fatto che ora il lavoro sporco di svalutazione della moneta unica europea potrebbe essere fatto proprio da Miss Yellen.

Grazie Yellen

Ringrazia la Yellen anche il nostro trade short che ora acquisisce potenzialità molto interessanti almeno in ottica 1.10. Il primo grafico basato sulle Ichimoku cloud mostra come almeno il tentativo di raggiungere la zona di supporto dinamico di 1.11 è altamente probabile. A quel punto il mercato dovrà decidere se invertire la tendenza definitivamente sfondando verso il basso anche la “cloud” che regge il mini rally bullish, oppure riprendere la marcia verso l’alto.

2016-05-23-eurusd-ichimoku

Grafico 1 – a 1.11 la prima prova della verità per EurUsd.

A tal proposito ci piace segnalare il grafico settimanale del cambio EurUsd abbinato ad un semplice indicatore di Rsi. Se i prezzi stagnano all’interno di un ampio trading range ormai da tempo, l’Rsi settimanale si è gradualmente allontanato dalla zona di ipervenduto. Ora però sta svoltando verso il basso puntando con decisione la trend line rialzista dell’Rsi stesso che congiunge i minimi del 2015. Ovvie le conseguenze qualora l’Rsi anticipasse i prezzi. In caso di sfondamento verso il basso da parte dell’oscillatore i prezzi non potrebbero che seguire provocando una discesa almeno fino a 1.05 con le prospettive per il cambio EurUsd che potrebbero subire un drastico ridimensionamento.

2016-05-23-eurusd-rsi

Grafico 2 – l’RSI settimanale potrebbe anticipare un movimento ribassista di EurUsd.

Markets
Visita Opinione

eToro
Visita Opinione

24Option
Visita Opinione

Plus500
Visita Opinione

Servizio CFD. L'80,6% perde denaro