Spot EurUsd: 1.0750

Scala temporale Giornaliero: Supporti (1.0597,1.0533, 1.0492) Resistenze (1.0828, 1,0875, 1.0900)

Strategia: Long a 1.0650

Stop loss: 1.0650

Take profit: 1.0820

Rimane in essere la strategia della settimana precedente. Alziamo lo stop loss al punto di ingresso di 1.0650

Il Mosaico Europeo Potrebbe Diventare Interessante

Il mercato non ha gradito l’atteggiamento da “colomba” della Yellen nell’ultimo meeting Fed, muovendo EurUsd nella direzione da noi auspicata. A seguire parleremo della strategia da seguire in seguito all’ultimo movimento del cambio, ma passato il rischio elezioni in Olanda e formalizzato l’evento rialzo dei tassi in America, per l’Euro sono scattate le ricoperture. Da tempo andiamo dicendo che in primavera potrebbero crearsi le condizioni perfette per un rally della moneta unica europea. Se le elezioni in Francia a maggio dovessero vedere perdente la Le Pen, se Draghi comincerà a mostrare un atteggiamento più possibilista su un rialzo dei tassi nel 2018 (e le indiscrezioni circa una possibilità in tal senso addirittura prima della fine del QE non appaiono casuali) e se l’economia americana comincerà a mostrare segni di rallentamento in estate, allora si creeranno le condizioni perfette per vedere EurUsd salire ben oltre 1.08/1.09.

Ovviamente esistono i rischi. La messa in discussione dell’Euro dopo le elezioni francesi, un nuovo rallentamento economico in Europa o addirittura un surriscaldamento dell’economia americana per effetto delle politiche di Trump.

Per questo esiste l’analisi tecnica, uno strumento che condensa le aspettative dei mercati in semplici movimenti di prezzo. EurUsd vive un trading range da troppo tempo ed è inevitabile che il movimento successivo sarà di ampia portata. Da capire se risulterà favorevole al Dollaro o all’Euro.

Come detto all’inizio la nostra strategia long è stata premiata, ma ancora una volta la resistenza di 1.085 non è stata oltrepassata. A questo punto adeguiamo lo stop loss al livello di ingresso così da evitare perdite sempre poco gradite. Se superamento delle resistenze sarà vanteremo un posizionamento ottimale, se invece il mercato deciderà di rientrare saremo di nuovo di fronte ad un trading range che comunque non avrà prodotto danni al nostro capitale.

Altro Tentativo, altro Fallimento…per Ora

L’analisi tecnica quindi suggerisce ancora una volta quanto importante sono certi livelli di resistenza. I venditori di EurUsd si sono ripresentati in modo consistente non appena 1.08 è stato avvicinato ed il grafico ci fa capire la criticità della soglia. Unendo i massimi di dicembre 2016 e febbraio 2017 arriviamo dalle parti di 1.08 per l’appunto. Gli oscillatori si sono nuovamente spostati nella parte alta e questo rende difficoltoso un superamento delle resistenze al primo tentativo, ma se l’evento verrà formalizzato aspettiamoci un movimento di ampia portata.

2017-03-20-eurusd-resistenze

Grafico 1 – Ancora le resistenze a frenare la corsa dei EurUsd.

Osservando il grafico settimanale di EurUsd notiamo però una tendenza alla salita da parte del Rsi a 9 settimane (più sensibile ed anticipatore di quello classico a 14 periodi). Finora il cambio è stato assecondato dal Rsi il quale però sta insidiando la trend line ribassista. I prezzi da questo punto di vista appaiono in ritardo ed è ovvio che uno strappo verso l’alto dell’oscillatore avrebbe concrete possibilità di anticipare un analogo movimento sopra 1.10 di EurUsd.

2017-03-20-eurusd-rsi

Grafico 2 – Rsi settimanale sta anticipando una rottura rialzista di EurUsd?

Markets
Visita Opinione

eToro
Visita Opinione

24Option
Visita Opinione

Plus500
Visita Opinione

Servizio CFD. L'80,6% perde denaro