Confermato il tapering in Australia, conseguenze su valuta e commodity

In una settimana ricca di appuntamenti per le banche centrali di tutto il mondo, il messaggio forse più interessante è arrivato dall’Australia. La banca centrale ha infatti mantenuto i tassi di interesse ai minimi storici ma ha confermato l’avvio del tapering, seppur con un rinvio temporale. La cosa ha un po’ sorpreso gli analisti i quali, visti i recenti lockdown che hanno interessato il paese, pensavano ad un ulteriore fase di prolungamento delle misure di QE. Niente da fare, il mondo si sta indirizzando verso l’archiviazione di questa fase straordinaria di liquidità a bassissimo costo anche in zone del mondo dove tassi di interesse di questo tipo non si erano mai visti.

Il dollaro australiano ha pagato a caro prezzo e un po’ a sorpresa questo atteggiamento della RBA che potrebbe strozzare una crescita che comunque nel secondo trimestre dell’anno si è assestata ad un livello superiore alle attese (0,7% vs 0,4%).

Il rinvio da settembre a febbraio 2021 della riduzione da 5 miliardi a 4 miliardi di Aud di titoli riacquistati dalla RBA ha favorito le prese di profitto sull’Aussie. Il prendere tempo non piace mai ai mercati perché dimostra poca visibilità e soprattutto incertezza. La sensazione è che la RBA abbia calciato avanti la palla per timore che la situazione sul debito privato in Cina (vedi il sempre più probabile default di Evergrande) posso riverberarsi negativamente sulla domanda di materie prime australiane. E questo ci porta ad un altro punto importante, quello dell’attuale valutazione delle commodity.

Osservando il grafico di AudUsd si può apprezzare come il test della media mobile a 200 giorni è avvenuto in modo chirurgico proseguendo una tendenza negativa che va avanti da febbraio 2021. Bear market quindi confermato.

Ma lo stesso grafico ci porta diretti anche al mondo delle materie prime fresco reduce da nuovi massimi nelle scorse settimane e responsabile dell’alto livello di inflazione a livello globale. Da sempre ben correlati, AudUsd e indice Bloomberg Commodity Index stanno prendendo direzioni opposte da un po’ di tempo. Un segnale di eccesso sulle commodity o di palese sottovalutazione dell’Aud? Lo scopriremo nelle prossime settimane ma la sensazione è che l’atteggiamento cauto e il rinvio da parte della RBA nasconda il timore che siano le materie prime quelle ad aver corso troppo in alto.

Plus500
Visita Opinione

Servizio CFD. 76.4% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.

eToro
Visita Opinione

Servizio CFD. 67% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.