Notizie EUR/USD

9.10.14

La Guerra in Ucraina e il suo Impatto sull'economia Europea

La guerra in Ucraina rappresenta una problema enorme per l'eurozona, non solo perché è un fronte di combattimento situato proprio ai confini dell'Europa, ma anche per le conseguenze che ha già avuto e che potrebbe avere in futuro sull'economia europea.

19.6.14

Seduta per Wall Street nella giornata di ieri. Il Dow Jones ha chiuso con un rialzo dello 0.58% chiudendo a 16,906.62 punti. Hanno fatto ancora meglio S&P500 e Nasdaq che hanno rispettivamente effettuato un rialzo dello 0.77% e 0.59%.

I tassi d'interesse americani sono stati mantenuti ai livelli precedenti come previsto, e il piano di taglio per 10 Miliardi di dollari, di acquisto di bond della FED è stato mantenuto. In ogni caso il mercato valutario non è stato contraddistinto da un altissimo livello di volatilità e il cross Eur/Usd di è mantenuto sui livelli tra 1.355 e 1.36. Solamente nella mattinata di oggi il cross sembra aver definitivamente superato la resistenza di 1.36.

Il dollaro rimane debole dopo che la FED ha approvato un primo trimestre del 2014 non esaltante. Le stime di crescita sono state riviste al ribasso dopo il calo dell'1% su base annuale del PIL. Lo stesso Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita annuale del 2% per il PIL americano, rispetto al 2.8% previsto in Aprile.

In mattinata le borse europee hanno aperto positivamente la seduta di contrattazioni e rimangono in attesa dei dati sulle vendite al dettaglio inglesi (ore 10,30 italiane) e dei i dati americani del pomeriggio, in primis l'indice di produzione della FED di Philadelphia atteso per le 16.00 orario italiano.

Attenzione alla sterlina: il cross GBP/USD ha raggiunto livelli massimi che non si registravano da Agosto del 2009, e nonostante tutto non appare ancora a livelli estremi di ipercomprato. Correzione al ribasso per il petrolio che rimane ancora saldo sul trend rialzista del recente periodo.

17.6.14

Il Cross Eur/Usd continua il lento recupero verso zona 1.36 dopo che è stato raggiunto il minimo negli ultimi 5 mesi a 1.35 settimana scorsa. Ora i mercati rimangono comunque in attesa dei dati del FOMC che verranno rilasciati nella serata di domani (ore 18.00 GMT, le 20.00 italiane). Già il Fondo Monetario Internazionale si è espresso invitando la FED a mantenere i tassi d’interesse ai livelli attuali per un periodo di tempo indefinito, e cercare così di recuperare la piena occupazione in America.

Continua la competizione tra USA e Cina in ambito economico. Per la prima volta la Cina diventa il paese più indebitato sul mercato con un totale di oltre 14.2 trilioni di dollari di bond rispetto ai 13.1 degli Stati Uniti. A preoccupare gli analisti c’è il fatto che il 25% o 30% del debito cinese sia relativo al solo settore bancario. Vale a dire che una frenata del settore bancario cinese, potrebbe significare rischi per il 10% del debito globale complessivo.

In fase di scrittura i Futures americani mostrano un lieve rialzo dopo i dati dell’indice dei prezzi al consumo, cresciuto del 2% su base annuale e dello 0.3% su base mensile. In mattinata è stato invece negativo il dato inglese dell’indice dei prezzi al consumo che è sceso dell’1.5% su base annuale. La sterlina ha perso solo 20 pips nei confronti del biglietto verde, e rimane comunque salda sul trend rialzista di lungo termine.

Oltre l’annuncio sui tassi d’interesse della Federal Reserve di domani sera, nei prossimi giorni il dato di maggiore rilievo proviene da Londra. Giovedì saranno infatti rilasciati i dati sulle vendite al dettaglio che sono previste in calo di mezzo punto percentuale.

Frenata per il petrolio che dopo i netti rialzi di settimana scorsa effettua una correzione tecnica e oscilla ora in area 106.4$. in ogni caso gli analisti di OptionTime predicano prudenza dato l’alto livello dell’indice RSI che appare nei pressi dell’area di ipercomprato.

Miglior Broker Forex
plus500
Bonus 25 € (T&C applicati)
Non è richiesto alcun deposito!
Servizio CFD. Il tuo capitale è a rischio

Conto Demo gratuito

Inizio Negoziazione
Bonus: 25€
(T&C applicati)

Il tuo capitale è a rischio

Visita Opinione
25€ Gratis

Visita Opinione
Bonus: 10%/1000€

Visita Opinione
Bonus: Illimitato

Payout: 91%

Visita Opinione